Vivere a Ravenna

Ravenna è un luogo molto affascinante dell’Italia e la magnificenza dei suoi mosaici lascia senza fiato. Sebbene il porto fosse già importante come base della flotta romana adriatica, raggiunse livelli ancora più alti quando l’imperatore Onorio spostò la sua corte da Milano nel 402, facendo di Ravenna la capitale dell’intero Impero Romano d’Occidente. Onorio e sua sorella Galla Placidia, intrapresero un programma di costruzione e fondarono la città come centro di arte musiva per abbellire le loro nuove chiese.

Continuò come sede del re Teodorico il Grande nel sesto secolo, e in seguito diventò la sede del governatore bizantino quindi le influenze artistiche erano fortemente presenti. L’intricato lavoro musivo ha raggiunto in questa città alcune delle sue massime espressioni. Visitare Ravenna, scoprire i suoi capolavori artistici, la sua cultura e il buon cibo è sicuramente la scelta giusta che magari può essere ottimizzata acquistando una casa nei quartieri più rinomati.

 

Video by: PiccolaGrandeItalia.tv

 

Vivere a Ravenna e cosa sapere

Ravenna è una città altamente turistica per un semplice motivo: le sue chiese sono infatti decorate con i migliori mosaici bizantini, e nel contempo la storia millenaria che risale ai tempi dei romani l’ha ulteriormente arricchita in termini di bellezza. Conosciuta in epoca romana come Classe, la città era un porto imperiale per la grande flotta navale. Nel 540 d.C, l’imperatore bizantino Giustiniano trasformò poi Ravenna nel pilastro più occidentale dell’omonimo Impero portandola ai massimi splendori.

In quell’epoca infatti, Ravenna era una luce splendente nell’Europa oscura. Duecento anni dopo, i Longobardi cacciarono i bizantini e la città si disgregò rimanendo fuori dalla vista storica per mille anni. Oggi però è stata riscoperta e riconosciuta come Patrimonio Mondiale dell’Unesco per una serie di fattori storici e culturali senza eguali. La città può quindi fornire un’intera giornata di visite turistiche rilassanti e divertenti, in particolare per gli amanti dei mosaici e non solo.

 

Vivere a Ravenna e cosa fare

Se si intende visitare Ravenna in occasione di un week end una volta arrivati in treno e usciti dalla stazione ferroviaria, bisogna percorrere Viale Farini fino a Piazza del Popolo. Quest’ultima fu costruita intorno al 1500, durante un periodo di 60 anni in cui la città era governata dalla Serenissima Venezia, ed ancora oggi il popolo di Ravenna si riunisce qui come fecero i loro predecessori per secoli. La maggior parte delle attrazioni turistiche si trova a pochi minuti a piedi da Piazza del Popolo; infatti, camminando dritto su via IV Novembre si raggiunge un isolato dal colorato mercato coperto.

 

Vivere a Ravenna Basilica San Vitale

 

Tuttavia i due luoghi più importanti di Ravenna sono senza alcun dubbio la Basilica di San Vitale e il Mausoleo di Galla Placidia. La prima ha 1400 anni di storia ed è davvero stupenda; infatti, basta ammirare i suoi brillanti mosaici per percepire una sensazione di pace interiore. Nel complesso ecclesiastico ci sono tra l’altro le scene degli apostoli, l’agnello sul soffitto, il Cristo e l’imperatore Giustiniano e sua moglie nella loro fastosa corte.

Per chi visita Ravenna con la famiglia e vuole anche divertirsi nella bella stagione, il consiglio è quello di passare una giornata a Mirabilandia, il parco divertimenti più bello del centro Italia, oppure in estate passare una giornata in una delle belle spiagge della riviera Romagnola.

 

L’arte a Ravenna

La Basilica di San Vitale può essere considerata l’ultima dell’antica arte romana e la prima dell’era cristiana. Questa chiesa fu il prototipo di Hagia Sophia di Costantinopoli costruita 10 anni dopo, e ispirò Carlo Magno a realizzare la prima grande chiesa nel nord Europa nella sua capitale di Aix-la-Chapelle oggi nota come Aquisgrana. Per gli amanti dell’arte un altro luogo davvero unico nel suo genere a Ravenna è il Mausoleo di Galla Placidia, appena oltre il cortile dalla basilica che custodisce i più preziosi mosaici della città.

La piccola luce che si insinua tra i sottili pannelli di alabastro porta un bagliore e uno scintillio al primissimo simbolismo cristiano e una croce d’oro riempie la stanza. Il 95% dei mosaici sono originali risalenti e risalgono la tardo periodo romano quando Ravenna era la capitale di un Impero d’Occidente ormai in declino. Visitare questi due stupendi siti e magari facendo un doveroso omaggio alla tomba di Dante Alighieri presso la Basilica di San Francesco, rappresentano il culmine della città di Ravenna che ha tuttavia molto altro da offrire sia dal punto di vista storico, culturale che prettamente turistico.

 

Vivere a Ravenna e cosa mangiare

La cucina di Ravenna si rifà a quella romagnola, ed in particolare per quanto riguarda i primi piatti sia asciutti che in brodo rappresentano l’alimento principe della tradizione gastronomica. La pasta all’uovo rigorosamente fatta in casa è farcita con ragù a base di carne o con ripieno di formaggio e spruzzate di parmigiano e noce moscata, che rappresentano una delizia del palato a cui è difficile resistere.

In alternativa alla pasta con la farcia tipica della cucina romagnola, c’è anche quella semplice come ad esempio le tagliatelle e gli strozzapreti entrambi conditi con il tradizionale ragù regionale. A Ravenna la pasta viene tra l’altro usata anche per arricchire piatti a base di legumi, spesso con l’aggiunta di scalogno e pancetta.

 

cosa mangiare a Ravenna

 

Anche la tradizione contadina è presente nella cucina del ravennate, ed in particolare per quanto riguarda i secondi piatti che si propongono con ricche grigliate di carne come ad esempio il castrato ai ferri, la salsiccia, la pancetta e tutte le tipiche specialità locali accompagnate con il classico pinzimonio o da piccole piadine servite invece del pane.

Per completare un lauto pasto nella città di Ravenna, non può mancare dell’ottimo vino locale come ad esempio il Sangiovese Superiore, ovvero un nettare delicato abbinabile a svariate pietanze e in grado di soddisfare qualsiasi palato.

 

Comprare casa nella città di Ravenna: la migliore zona e i vantaggi

Cercare un alloggio nella città di Ravenna sia per un week end che per viverci a lungo è possibile, ed in entrambi i casi ad un ottimo rapporto qualità-prezzo. Ravenna dal punto di vista turistico è affollata nel periodo che va dal mese di marzo fino metà giugno ovvero prima dell’inizio della trebbiatura del grano, e quindi gli alloggi temporanei hanno un costo maggiore.

Per chi intende invece affittare oppure acquistare casa a Ravenna , è importante sottolineare che il centro della città di Ravenna è quello più tranquillo, anche perché pedonalizzato e quindi offre notevoli vantaggi in termini di vivibilità e movimento su mezzi alternativi alle auto, ovvero le biciclette che tra l’altro hanno delle apposite piste. Indipendentemente dalla scelta di acquistare casa a Ravenna per viverci a lungo o affittarla, il centro storico è dunque la zona ideale per ottenerla rispettivamente di gran pregio e per ricavarne dei lauti guadagni.

Famigliainfuga

Famigliainfuga.com è un blog di viaggio curato con passione ed orgoglio da me, Michele Valente e da mia moglie Chiara Sau, compatibilmente con gli impegni quotidiani e dai suoi autori. Lo spazio sul blog è dedicato ai nostri viaggi, le curiosità i consigli per chi viaggia e per lo stile di vita della famiglia. Sono appassionato di viaggi e di cucina di cui scrivo anche su altri siti del settore.