Rendere più spaziosa una stanza con la luce dei faretti Led

    Rendere più spaziosa una stanza con la luce dei faretti Led

    Vivere in un appartamento poco illuminato è cosa piuttosto problematica. Se le stanze sono luminose, l’ambiente si dimostra decisamente più accogliente.

    Ci sono poi stanze, come ad esempio il soggiorno, la cucina e lo studio, che rappresentano dei veri e propri punti focali all’interno dell’abitazione, visto che è proprio lì che vengono svolte tutta una serie di attività domestiche di routine.

    Illuminarle alla perfezione, vuol dire coniugare al meglio funzionalità, estetica e stile. A tal proposito, sapere come rendere più spaziosa una stanza con la luce dei faretti LED è di cruciale importanza.

     

    Il boom dell’illuminazione LED

    Gli ultimi anni hanno visto il boom dell’illuminazione con faretti LED che in numerosi contesti domestici ha sostituito le lampadine classiche.

    Non è un caso se oggigiorno molti dei progetti di illuminazione pubblica vertono proprio sul ricorso della luce LED. E i faretti sono l’articolo per antonomasia quando si parla di questa tematica, visto che sono in grado di mettere in risalto uno specifico dettaglio: che si tratti di illuminare gli scaffali della libreria, i piani di lavoro in cucina, la fioriera, le pareti, i faretti LED svolgono un lavoro egregio.

    Leggi  Ikea family card: 10 motivi validi per utilizzarla

     

    Come sviluppare l’illuminazione domestica con i faretti LED?

    In genere, quando si vuole migliorare l’illuminazione delle stanze, puntando sui faretti LED, occorre valutare prima di tutto il quantitativo di luce che è possibile sfruttare appieno nelle ore diurne.

    Quindi, la presenza delle finestre va presa in considerazione. Poi è la volta di valutare la tipologia di arredamento, la presenza di muri a tinte chiare o accese e di specchi, in quanto elementi che migliorano la luminosità in casa.

    Fatta quest’analisi preliminare, è la volta di suddividere lo spazio delle stanze in base allo scopo: la zona pranzo avrà un’illuminazione diversa dall’area relax o dall’angolo lettura. A seconda delle esigenze personali, si potrà contare su luci più intense o più rilassanti.

    Nel soggiorno, ad esempio, i faretti LED possono affiancare i lampadari sospensione da soffitto così come le plafoniere. Al tempo stesso, però, i LED possono benissimo rappresentare un’alternativa eccellente. La scelta è strettamente connessa da fattori prettamente soggettivi e da esigenze di arredo.

     

    Tipologie di faretti LED

    I faretti LED, pertanto, si dimostrano a tutti gli effetti dei veri e propri oggetti di design per la casa che abbinano la componente estetica a quella funzionale. Sul mercato ve ne sono di diversi tipi: molto in voga sono quelli in vetro ed in plexiglass, caratterizzati da un telaio piuttosto leggero, realizzato in metallo cromato. Altri presentano poi un design più hi-tech, particolarmente indicato per un arredo moderno.

    Leggi  Piscina idromassaggio gonfiabile: la numero 1 in casa Intex

    Per ciò che riguarda l’installazione dei faretti LED LED, è possibile puntare su modelli a soffitto oppure su versioni a parete: l’importante è saperli collocare nei punti strategici delle stanze, affinché appaiano il meno percettibili possibili.

    La loro presenza deve essere discreta. Se orientabili, poi, i faretti LED si dimostrano una soluzione altamente versatile e adattabile al meglio alla struttura delle stanze.

     

    Faretti LED da incasso

    Tra i faretti LED che più vanno per la maggiore, vi sono senza ombra di dubbio quelli ad incasso, caratterizzati da un supporto in gesso oppure in metallo che risulta nascosto alla vista.

    Le prestazioni fornite sono ottimali in quanto a consumi energetici. Oltre a rendere l’ambiente accogliente e l’atmosfera ancora più avvolgente, i faretti LED ad incasso piacciono per due ragioni fondamentali: la prima è che forniscono diverse tipologie di luce: calda, naturale, fredda.

    Denominatore comune è che l’effetto finale risulta sempre gradevole; la seconda è che, essendo di dimensioni contenute, possono essere posizionati dietro le mensole o in alternativa li si può integrare nei soffitti in cartongesso.

    Su questo aspetto, è vene evidenziare come i controsoffitti con faretti LED risultino una soluzione moderna che permette di creare composizioni davvero piacevoli, senza incidere minimamente sulla praticità.

    Leggi  Come arredare un ingresso di casa: alcuni suggerimenti

    A prescindere dalla tipologia di luce di proprio gradimento, i faretti LED vanno ad illuminare al meglio anche le zone d’ombra e le zone più anguste, senza appesantire più di tanto lo spazio. Questo perché la diffusione della luce è omogenea.

     

    Faretti a scomparsa

    Altra soluzione apprezzata, specie per versatilità, è quella dei faretti a scomparsa: una volta collocati nei punti più strategici delle stanze, non vanno a pregiudicare più di tanto l’effetto soffuso che rende unici gli elementi.

     

    Faretti integrati da cristalli pendenti

    Meno in voga, ma pur sempre validi, sono i faretti integrati da cristalli pendenti. Trattasi di modelli all’avanguardia che danno all’ambiente un tocco di classe e di raffinatezza in più che non guasta mai. L’impatto offerto in termini di estetica e il contributo dato in quanto a giochi di luce merita davvero particolare attenzione.

     

    Conclusioni

    Illuminare una stanza con la luce dei faretti LED è una delle migliori soluzioni possibili, quando si tratta di migliorare il comfort domestico e di ottimizzare i costi dei consumi energetici. Grazie a questi accorgimenti, rendere l’ambiente più accogliente, sarà una logica conseguenza.

    Michele Valente

    Sono il blogger di Famiglia in Fuga. Appassionato di viaggi e di tecnologia, ho creato questo blog insieme alla mia famiglia.

    0 0 votes
    Vota l'articolo
    Subscribe
    Notificami
    guest
    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments
    0
    Would love your thoughts, please comment.x
    ()
    x