I pupi siciliani rappresentano arte, cultura e spettacolo della Sicilia, tanto quella di un tempo, tanto quella di oggi.

 

Quando e perché sono nati i pupi siciliani

La storia dei pupi siciliani inizia più di 100 anni fa, ovvero, tra la fine dell’ ‘800 e l’inizio del ‘900 e rappresentano la rivolta della classe sociale dei poveri. L’opera dei pupi è un teatro tipico siciliano e i pupari sono coloro che animano i pupi, che raccontano la storia e che fanno, anche, da veri e propri registi. Oggi, quella del puparo è una figura che si è quasi estinta per svariate ragioni: l’avvento della televisione, del cinema, dei teatri con attori e, infine, perché è stata considerata una forma di spettacolo rivolto ad un pubblico ignorante.

Pupi siciliani: come funzionano

 

Pupi siciliani
I pupi siciliani

 

I pupi siciliani altro non sono che delle “semplici” marionette! Quanto appena detto è vero, ma non del tutto. I pupi siciliani sono delle marionette, ma non delle semplici marionette!

In Sicilia quella dei pupi siciliani oltre ad essere arte, cultura e spettacolo è anche tecnica e storia. I pupi siciliani si distinguono dalle semplici marionette proprio per le loro caratteristiche tecniche. A differenza di altre marionette, i pupi siciliani si caratterizzano per avere dei movimenti rapidi e naturali.

Tutto ciò dipende dalla tecnica utilizzata per la loro costruzione. Le marionette sono animate grazie ad un asta metallica collegata alla testa della marionetta e ad uno snodo che consente di muovere braccia e gambe utilizzando più fili. In Sicilia, per l’animazione dei pupi non si utilizzano molti fili, bensì le articolazioni vengono mosse grazie ad un’altra asta metallica. Questo piccolo accorgimento, rappresentò una grande modernizzazione delle esibizioni perché i movimenti dei pupi divennero molto veloci e realistici.

Pupi siciliani: cosa narrano

I pupi siciliani si esibiscono, solitamente, in combattimenti, narrano storie cavalleresche dei più importanti romanzi. I personaggi interpretati più spesso sono i protagonisti de l’Orlando Furioso: Carlo Magno, Orlando, Rinaldo, Angelica e Gano di Maganza.

Assistere ad un opera dei pupi è una vera era una vera e propria esperienza folcloristica; quando sul palco avvenivano i combattimenti il pubblico partecipava allo spettacolo tifando per uno o per l’altro combattente, infatti, il pubblico si sente coinvolto in prima persona nella storia.

Questo rende piacevoli spettacoli che, spesso, durano ore e che, diversamente, potrebbero risultare noiosi. L’opera dei pupi in Sicilia è una forma di cultura perché in ogni rappresentazione si narra di valori univoci: la fede, la giustizia, l’onore ecc.

Cosa è l’opera dei pupi oggi

Solo dall’anno 2008 l’Opera dei Pupi è stata iscritta dall’ UNESCO tra i patrimoni dell’ Umanità. Un patrimonio che va valorizzato e protetto.

 

Video by Yarisdaniel

 

Pupi siciliani: la tradizione in Sicilia

Palermo e Catania sono le due città siciliane che portano con se la tradizione folcloristica dell’arte dei pupi. Pur appartenendo alla medesima regione e medesima cultura, si differenziano per quel che riguarda l’arte dei pupi siciliani. In particolare:

  • A Palermo sono più piccolini, a Catania raggiungono anche un metro e mezzo;
  • A Palermo hanno le ginocchia articolate e riescono ad estrarre ed introdurre la spada nel fodero, a Catania hanno le gambe rigide.

 

I pupi siciliani oggi: dove trovarli

Pur essendo ancora presente in molte città siciliane l’arte dei pupi e dei pupari, occorre farvi necessariamente visita se vi trovate a Palermo o a Catania, le culle dei pupi.

MUSEO INTERNAZIONALE DELLA MARIONETTA di Palermo, qui sarà possibile ammirare non solo pupi e marionette ma, anche, ombre sceniche e marionette orientali e… napoletane.

Molti sono i MUSEI E TEATRI DEI PUPI a Catania. Scopri cosa vedere a Catania, visita questa bellissima città e seguendo i consigli dei Catanesi, che troverai in giro per la città, scopri musei, teatri e, addirittura, qualche puparo ancora in attività, ma per visitare la città e le zone limitrofe ti servirà un mezzo, quindi prenota online un noleggio auto a Catania. Infine, potrai acquistare souvenir “fuori dal comune”: un pupo, più o meno piccolo, da portare a casa, sta a te scegliere il personaggio che più ti affascina!

Famigliainfuga

Famigliainfuga.com è un blog di viaggio curato con passione ed orgoglio da me, Michele Valente e da mia moglie Chiara Sau, compatibilmente con gli impegni quotidiani e dai suoi autori. Lo spazio sul blog è dedicato ai nostri viaggi, le curiosità i consigli per chi viaggia e per lo stile di vita della famiglia. Sono appassionato di viaggi e di cucina di cui scrivo anche su altri siti del settore.

Lascia un commento