Posizionamento Google: 6 consigli per posizionare il tuo blog

Posizionamento Google per il tuo blog

Stai pensando al posizionamento Google del tuo blog? Per trovarti nelle prime pagine dei motori di ricerca come i migliori blog di viaggi, devi effettuare una serie di operazioni che, messe insieme, definiscono ciò che è chiamato posizionamento Google, un valore fondamentale senza il quale difficilmente riusciresti a promuovere la tua azienda attraverso la rete internet.

Ma come fare a ottenere un buon posizionamento sui motori di ricerca? Vediamo insieme quali sono i requisiti SEO perchè un sito sia presente sulle prime pagine dei browsers.

 

Come posizionare un sito web

Posizionare un sito internet è diverso dall’indicizzarlo; il posizionamento web consiste infatti in un sistema per aumentare la visibilità di un sito su Google, mentre l’indicizzazione consente ai principali motori di ricerca di trovare il sito e inserirlo all’interno di una lista specifica.

Esistono diverse strategie per posizionare i siti su Google; il tuo compito è attenerti ad alcune regole che sono la sintesi di ciò che serve al tuo sito per diventare popolare e quello che richiedono i browsers per garantire agli internauti contenuti di qualità.

Il posizionamento Google si basa su diversi fattori che meritano uno studio accurato da parte tua; vediamo insieme quali sono i più importanti.

Se vuoi puoi approfondire anche l’argomento: come guadagnare con il posizionamento SEO per poter viaggiare

 

1. Le performance di un sito per il posizionamento Google

Le prestazioni di un portale dipendono dal programma con cui è stato scritto. La sintassi e le caratteristiche informatiche di un software possono renderlo più facile alla navigazione o viceversa.

Un sito lento, macchinoso e che tende a necessitare di caricamenti particolarmente lunghi viene penalizzato dai motori di ricerca, che evitano di metterlo nelle prime pagine.

Per esempio, i migliori plugin per WordPress ti danno la concreta possibilità di ottimizzare il tuo sito, aggiungendo alcune funzionalità che ne migliorano la navigazione.

 

2. L’ottimizzazione tecnica di un sito 

Il linguaggio HTML prevede l’inserimento al suo interno di alcuni parametri che sono fondamentali ai fini del posizionamento Google.

 

Posizionamento Google html

 

Parliamo di aspetti che potresti conoscere o di cui hai già sentito parlare; si tratta del Title, della Meta-description e altri tags, come la Sitemap di un portale, letteralmente la mappa del sito, una serie di informazioni importanti sia per l’indicizzazione che ai fini del posizionamento di un sito web.

 

3. L’architettura e la gerarchia di un sito

Il posizionamento Google dipende anche dalla struttura del sito; il tuo obiettivo è cercare di rendere il portale facilmente navigabile una volta che un utente è entrato al suo interno.

Un sito che presenta molti link in maniera disordinata e poco comprensibile viene interpretato dai motori di ricerca come un portale di scarsa qualità; è il caso di siti vecchi che usano un linguaggio superato, oppure di pagine ricche di molti redirecting a fini promozionali e pubblicitari.

A tal proposito, è importante che tutti i collegamenti, siano essi ipertestuali o consistano in vere e proprie pagine, seguano una logica coerente o mantengano il filo conduttore di un discorso specifico.

 

4. L’importanza della qualità dei contenuti

Il ranking di un sito su Google dipende anche dai contenuti del sito stesso. Infatti, tempo addietro era facile trovare nelle prime pagine di Google portali che sfruttavano bene le parole chiave, quei termini che ogni internauta usa per cercare un argomento di suo interesse.

 

Posizionamento Google copywriting

 

Attualmente i motori di ricerca valutano anche i contenuti, al fine di evitare che vengano promossi siti scadenti, con argomenti copiati o duplicati che hanno il semplice scopo di vendere un prodotto senza offrire nulla di concreto.

Il tuo scopo deve essere certamente l’affidarsi a una lunga serie di parole chiave ben studiate, ma devi anche fare in modo che il tuo sito sia originale, abbia un buon copywriting e sia ricco di notizie interessanti e curiose.

Google compie questi controlli proprio per dare anche a te la possibilità di trovare in internet ciò di cui hai bisogno, perdendo poco tempo e senza incappare in portali truffaldini o di scarso interesse per le tue necessità.

 

5. La scelta delle keywords

Scegliere le keywords adeguate è molto importante quando devi ottenere la visibilità del sito su Google; se fai un buon lavoro, Google riconoscerà al tuo portale un posizionamento web sempre migliore nelle sue pagine.

 

Posizionamento Google analisi keyword

 

Al contrario, l’uso di keywords non corrispondenti al contenuto può farti incorrere in spiacevoli penalizzazioni, che potrebbero compromettere molti degli sforzi da te effettuati per posizionare il sito su Google.

Inoltre, nello scegliere le parole chiave, devi valutare con attenzione il pubblico a cui intendi rivolgerti; un conto è destare interesse negli internauti che fanno parte di una particolare nicchia di mercato, mentre è diverso coinvolgere persone che cercano informazioni su qualcosa di molto comune.

Nel primo caso è sufficiente spesso approfittare di termini tecnici poco usati per finire facilmente nelle prime pagine dei motori di ricerca, mentre nel secondo è necessario svolgere un lavoro completo, usando sinonimi, articoli differenti e a volte anche termini con refusi, ipotizzando eventuali errori dell’utente durante la battitura della query (la frase inserita nella barra di ricerca).

 

6. Effettua una buon link building per ottenere un buon posizionamento Google

Il posizionamento Google per le aziende (e non solo) richiede anche un buon lavoro di link building, un sistema mediante il quale il tuo sito dovrebbe essere raccomandato solo dai migliori portali del settore.

 

Posizionamento Google linkbuilding

 

Al contrario, devi evitare i collegamenti con siti “spam” o comunque potenzialmente dannosi per il tuo portale, perché non rispettosi delle regole. Potrebbero danneggiare il tuo posizionamento google e farti perdere posizioni e traffico.

Si tratta di un’operazione di reciproco reindirizzamento che richiede una maggiore esperienza, anche perchè è necessario svolgere delle ricerche e valutare con attenzione quelle che potrebbero essere collaborazioni proficue o, viceversa, rapporti da evitare.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.