La Barbera: un vitigno antico

La Barbera è un vitigno a buccia scura che si trova in diverse regioni italiane, tra cui il Piemonte ,l’Emilia-Romagna, la Puglia, la Campania e persino le regioni insulari, la Sicilia e la Sardegna .

All’inizio del 21 ° secolo, era la terza uva da vino rosso più coltivata in Italia, dopo Sangiovese e Montepulciano.

La Barbera ha origini antichissime, sebbene sia stata documentata in modo tracciabile solo dal 17 ° secolo. Fu citato per la prima volta in un documento ufficiale nel 1798.

Uva Barbera

La varietà ha viaggiato molto negli ultimi due secoli, atterrando in Australia , Argentina e California , molto probabilmente seguendo i modelli migratori italiani.

Ha questo in comune con il Nebbiolo , anche se il Barbera si è adattato molto più prontamente a questi nuovi ambienti rispetto al suo cugino piemontese.

Come nel Nebbiolo, c’è un dibattito acceso su come trattare la Barbera; i tradizionalisti preferiscono una macerazione più lunga e meno rovere, mentre i modernisti sostengono stili più rotondi e più accessibili, ammorbiditi dalla maturazione in botte.

Essendo naturalmente ricco di acidità, la Barbera può essere coltivato in climi più caldi. Questa acidità integra i sapori di ciliegia che si trovano nei tipici vini Barbera e ha contribuito allo stereotipo dei vini rossi italiani come maturo, luminoso e sapido.

Da giovane, la maggior parte dei vini Barbera ha un colore rosso ciliegia brillante. Maturato in botte e lasciato invecchiare in bottiglia per alcuni anni, si trasforma in una nota più densa, amarena.

Il Barbera raggiunge il suo apice in con i vini rossi del Piemonte (vedi Barbera d’Asti e Barbera d’Alba ), dove la vite si comporta meglio su pendii ben drenati e ricchi di calcare con un caldo aspetto meridionale .

 

Tagged: , ,

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.