Costo camper: acquisto e spese di gestione nel 2020

Costo camper: acquisto e spese di gestione nel 2020

In questo articolo ti parlerò del costo camper per quanto riguarda le spese di gestione del tuo mezzo ricreativo.

Il camper: simbolo di libertà

Parlando di camper non può non venire in mente Paolo Bitta di “camera caffè” ed il suo irrefrenabile amore per il camper, eguagliato solo da quello per i pooh.

Ah il camper! Per molti un simbolo di libertà, per altri una passione, per altri ancora uno stile di vita.

Ne esistono di varie forme, costi e modelli; In questo breve articolo scopriremo quanto costa comprare e mantenere un camper, per chiarire un pò le idee a chi sta pensando di acquistarne uno e per avere una pietra di paragone a chi ha la fortuna di essere già proprietario di un camper.

La vacanza in camper

La vacanza in camper ha sicuramente pro e contro. Uno dei grandi vantaggi è quello di avere un mezzo pronto a portarci a vivere vacanze di breve o lungo periodo, con una meno impegnativa programmazione del viaggio.

Con un camper si può anche facilmente fare dei cambi di programma anche dell’ultimo minuto in quanto si ha la comodità di poter sostare “quasi” dove si vuole.

Se pensiamo ai ponti delle festività durante l’anno, come quello dell’immacolata, del 1° Maggio, del 2 Giugno ecc.. il camper diventa un mezzo ideale per la gita fuori porta.

Avere un camper comporta anche degli svantaggi; ad esempio, mentre chi pernotta una camera di albergo paga il servizio senza poi doversi preoccupare di tutto il resto, il possessore di un camper dovrà prendersi cura del suo compagno di viaggio anche nei periodi in cui non verrà utilizzato, in quanto si dovranno affrontare costi di gestione, assicurazione, manutenzione ordinaria e straordinaria ecc.

Si può poi anche pensare di noleggiare un camper all’occorrenza; oggi infatti esistono diversi servizi che offrono il noleggio di un camper di varie tipologie e caratteristiche; una valida soluzione per provare l’eserienza di viaggio in camper.

Camper mansardato, camper puro, camper semintegrale o motorhome?

Esistono varie tipologie di camper, e spesso c’è confusione sull’argomento; facciamo un pò di chiarezza:

  • Camper mansardato, è forse la tipologie di camper più conosciuta, e anche quella più diffusa in Italia; si tratta di un camper dotato della caratteristica sporgenza della cellula abitativa sul tetto della motrice, all’interno della quale solitamente troviamo collocato il letto matrimoniale.
  • Camper semintegrale, è molto simile al camper mansardato, ma a differenza di quest’ultimo, ha una cellula sul tetto più aereodinamica in quanto rinuncia al letto matrimoniale sul teto della motrice. Questa rinuncia gli fa guadagnare una guida più aereodinamica e quindi anche più parca nei consumi.
  • Camper puro. Si tratta solitamente (ma non sempre) di un mezzo di dimensioni più piccole, spesso preferito da un target più giovane, e che è costruito partendo dalla base di un furone, che può uscire di fabbrica già allestito o essere allestito in un secondo momento a camper.
  • Motorhome. Il motorhome è forse la categoria di camper che ogni camperista sfegatato sogna; si tratta della categoria più spaziosa, confortevole e anche costosa di camper. In questa tipologia di camper, solitamente la cellula abitativa e quella di guida sono un corpo unico, ogni spazio è sfruttato al meglio ed ogni dettaglio è pensato per garantire il massimo comfort all’interno del camper.

Costo camper: nuovo oppure usato?

Il nostro consiglio è sicuramente in ogni caso, quello di provare di vivere l’esperienza di viaggio in camper magari noleggiandolo, prima di pensare di acquistarne uno, per non dover andare incontro a spese importanti nel caso ci si dovesse rendere conto dopo l’acquisto che il camper non fa per noi.

Se dopo aver provato l’esperienza di viaggio in camper sei ancora convinto di volerne possedere uno allora sei stato davvero contaggiato dalla passione.

Vediamo quindi perchè scegliere un camper nuovo o usato e quali sono i consigli per il nostro acquisto.

Il dilemma fra camper nuovo o usato è causato spesso dal budget a disposizione per l’acquisto del nostro mezzo.

Acquistare un camper nuovo offre sicuramente maggiori garanzie sullo stato di salute della meccanica, dei vari impianti e di tutti i componenti del camper, ma richiederà un budget quasi doppio rispetto a quello necessario per acquistare un camper usato.

Di seguito un elenco dei prezzi medi per il nuovo e l’usato diviso per categoria.

Quanto costa un camper?

Costo camper nuovo:

  • Camper prezzi mansardato, 50’000 – 65’000 euro
  • Prezzo camper integrale, 50’000 – 90’000 euro
  • Costo camper puro 40’000 – 65’000 euro
  • Camper prezzi Motorhome 80’000 – 150’000 euro

Costo camper usato:

  • Camper prezzi mansardato, 10’000 – 50’000 euro
  • Costo camper integrale, 20’000 – 55’000 euro
  • Prezzo camper puro 20’000 – 60’000 euro
  • Camper prezzi Motorhome 25’000 – 80’000 euro

Costi di gestione camper

Hai finalmente acquistato il tuo primo camper, evviva! Ora però non è finita, perchè anche per il camper bisogna affrontare le spese di gestione che solitamente comprendono:

  • Assicurazione
  • Parcheggio
  • Tagliando
  • Manutenzione ordinaria

Andiamo ad analizzare uno per uno tutti questi costi di gestione per mantenere il nostro camper.

  • Assicurazione. Sul costo dell’assicurazione del nostro camper incidono vari fattori come ad esempio: il valore di mercato, la regione insieme alla città di residenza, il peso a pieno carico (indicato nel libretto), e le polizze accessorie (cristalli, furto, incendio ecc.). Il costo dell’assicurazione varia solitamente fra i 350 agli 800 euro/annui.
    Esistono poi delle agevolazioni per la categoria dei camperisti, come la possibilità di sospendere la polizza per i mesi in cui il camper non viene usato o quella di ottenere un contratto con formula legata alla polizza auto ed ottenere così delle riduzioni di prezzo.
  • Tassa di proprietà (Bollo). La tassa di proprietà, più comunemente conosciuta come “bollo” è una tassa sul possesso del veicolo. Essa viene calcolata in base ai Kw del mezzo. Per quanto riguarda il camper questa è una spesa piuttosto contenuta inquanto si aggira grosso modo sui 50 euro/annui.
  • Parcheggio. Se non si possiede un garage o un luogo idoneo da adibire a ricovero per il nostro camper bisogna pagare un parcheggio apposito. I luoghi di ricovero per i camper hanno canoni mensili o annuali e solitamente si aggirano fra i 300 ai 1’100 euro/annui
  • Tagliando. Il tagliando è un appuntamento annuo molto importante sopratutto per un mezzo come un camper che deve sopportare lunghi viaggi, pesi importanti e deve garantire la massima affidabilità. Durante il tagliando, oltre che il cambio di olio, liquidi e filtri, bisogna effettuare anche la revisione dei vari impianti oltre che il corretto funzionamento di tutti i componenti. Per un tagliando del genere bisogna sborsare cifre che vanno dai 300 ai 500 euro.
  • Manutenzione ordinaria. Detta anche “piccola manutenzione” fa riferimento a tutta quella serie di lavoretti spesso fatti dal camperista stesso per mantenere in salute il proprio camper sia all’esterno che all’interno. E’ difficile quantificare questa spesa ma solitamente è piuttosto esigua, si parla di una cifra al di sotto dei 100 euro/annui.
  • Revisione. Altra spesa che bisogna affrontare sul camper come per altri veicoli è la revisione. Essa viene effettuata dopo i primi 4 anni di vita e successivamente ogni due anni. La spesa è di 65 euro, costo standard per i veicoli di massa al di sotto dei 35 q.

Migliori assicurazioni camper

Approfondiamo ora una delle spese più corpose che bisogna affrontare per mantenere un camper ovvero l’assicurazione.

In questo paragrafo parleremo di tre fra le migliori assicurazioni per i camper.

  • Allianz. Una delle migliori assicurazioni per camper è sicuramente Allianz, che grazie alla collaborazione con varie associazioni di camperisti, ha dato vita ad un prodotto molto valido, composto da: RCA, ARD, pacchetti assicurativi combinabili e garanzie non previste nell’RCA. Inoltre, per i proprietari di camper, sono previsti anche interessanti sconti per le polizze auto e moto.
  • Axa. La polizza Axa dedicata ai camper offre pacchetti molto personalizzabili che si adattano alle esigenze di tutti i camperisti. Il prodotto Axa è un ottimo prodotto da tenere in considerazione per assicurare il proprio camper.
  • Mio Camper Top (Toninelli). La toninelli è stata una delle prime a realizzare un prodotto assicurativo pensato in modo specifico per i camper. Al giorno d’oggi offre un pacchetto assicurativo cucito su misura alle esigenze del cliente, partendo da un pacchetto standard già molto ricco. C’è da dire che non è la polizza più economica ma sicuramente un’ottima soluzione per assicurare i mezzi più costosi.

Tipologie di camper

Michele Valente

Sono il blogger di Famiglia in Fuga. Appassionato di viaggi e di tecnologia, ho creato questo blog insieme alla mia famiglia.

0 0 vote
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Valter buso
Valter buso
3 mesi fa

Mi permetto: 8 righe di vantaggi mi sembrano pochine… non tralasciamo che dormi e mangi a casa tua, sulle tue lenzuola. Non sei vincolato da orari pranzo e cena. Non devi dividere il tuo spazio con altri, senza dover rimanere chiuso in camera tua. Se vuoi vai nelle strutture, ma puoi stare anche in libera. Magari fuori da tutto e tutti. Per raggiungere la meta non ti devi fermare ad ogni autogrill per le esigenze dei tuoi bambini (sempre che tu decida di d
Fare autostrada). Non parti all’ultimo per raggiungere dopo estenuanti viaggi la metà agognata. La vacanza in camper inizia quando metti in moto e l’avventura ha inizio subito. La solidarietà tra camperisti e gli amici che ti fai ogni volta che esci, e questa è la cosa a mio avviso impagabile, non ha paragoni. Questo vuol dire “non una vacanza in camper”, ma avere il camper ed essere camperisti.

2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x