Cosa sapere prima di partire per il Regno Unito e londra

Cosa sapere prima di partire per il Regno Unito

Booking.com
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Vacanza nel Regno Unito? Ecco alcuni consigli

Il Regno Unito è una meta molto apprezzata sia da chi viaggia con la famiglia, sia da chi si muove da solo. Tra città come Londra, Manchester ed Edimburgo, non mancano davvero i luoghi da apprezzare. Cosa bisogna sapere prima di partire? Nelle prossime righe, abbiamo selezionato alcuni punti che bisogna per forza tenere in considerazione quando ci si appresta a viaggiare in questo Stato.

Attenzione alle previsioni meteo

Parlare del Regno Unito significa, per forza di cose, sottolineare i cambi repentini di tempo meteorologico. Alla luce di questo aspetto, quando si fa la valigia è il caso di mettere dentro anche diversi ombrelli e una giacca con cappuccio.

 

Non dimenticate l’adattatore

Le prese del Regno Unito sono diverse rispetto a quelle presenti in Italia. Per questo motivo, quando si parte è opportuno acquistare un adattatore ad hoc. Le alternative per trovarlo non mancano. Si può acquistare online, ma anche al duty free dell’aeroporto.

 

Valuta l’assicurazione sanitaria per il viaggio

Quando si viaggia è opportuno tutelarsi. Farsi un’assicurazione prima di partire per il Regno Unito è utile e fondamentale in quanto il sistema sanitario è molto diverso da quello italiano.

 

Informati sulle peculiarità della tua carta di credito

Un altro aspetto sul quale è bene informarsi prima di partire per il Regno Unito chiama in causa la carta di credito. A tal proposito è bene ricordare che le carte del circuito VISA e Mastercard ed American Express possono essere utilizzate senza problemi nel Regno Unito. Lo stesso si può dire per le carte di credito del circuito Maestro.

Cosa si può dire invece delle carte prepagate? Che sono valide. Bisogna però fare attenzione agli sportelli ATM. Chi, per esempio, ha una carta del circuito Mastercard, può prelevare solo dagli sportelli autorizzati. Lo stesso discorso vale per le carte del circuito VISA/VISA Electron. Per orientarsi non ci sono particolari difficoltà: i singoli sportelli ATM sono infatti caratterizzati dalla presenza di tutti i circuiti accettati.

 

Non dimenticare le mance

Una differenza importante tra la cultura italiana e quella anglosassone prevede il fatto che, dopo aver consumato in un locale pubblico, è importante lasciare una mancia. Se in Italia quest’abitudine viene spesso bypassata, nel Regno Unito la situazione è ben diversa. In questo contesto culturale, è buona norma lasciare al cameriere una somma pari al 10% circa del costo complessivo della consumazione.

 

Attenzione ai taxi

Proseguendo con le dritte da prendere in considerazione quando ci si prepara a un viaggio nel Regno Unito, è cruciale aprire la parentesi relativa ai taxi. Nel caso specifico di Londra, i taxi classici della città prevedono l’utilizzo del tassametro. Per questo motivo, non è possibile sapere prima quanto costerà la corsa.

Un’ulteriore alternativa per spostarsi prevede il fatto di utilizzare il minicab. Queste vetture, che assomigliano a delle normalissime auto di privati, si possono tranquillamente prenotare online. A differenza del caso dei taxi, in questa circostanza specifica si può sapere prima quanto si andrà a spendere. Un contro da non trascurare riguarda invece il prezzo, oggettivamente più oneroso rispetto a quello dei taxi.

 

Ringrazia sempre 

Eccoci a parlare di un consiglio molto importante per vivere momenti sereni nel Regno Unito. Tra gli aspetti più importanti da considerare c’è il fatto di ringraziare. Non importa se in Italia risulta inusuale ringraziare spesso. Nel Regno Unito la situazione è molto diversa e non è il caso di avere paura di risultare eccessivamente cortesi. 

 

Non dimenticare la prossemica

Le regole della prossemica, ossia la distanza interpersonale, sono molto diverse nel Regno Unito. Bisogna tenere conto del fatto che, in questa zona del mondo, l’idea di espansività fisica tipica italiana non è certo all’ordine del giorno.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Rimani aggiornato

Articoli correlati

Lascia un commento

Booking.com

Consigli viaggi in Europa

Seguici su Facebook

Booking.com

Video in evidenza