Carloforte, tutto ciò che c’è da vedere e scoprire sull’Isola di San Pietro

    Carloforte, tutto ciò che c’è da vedere e scoprire sull’Isola di San Pietro

    Isola di San Pietro: il borgo di Carloforte

    Tra le isole più spettacolari dell’Arcipelago della Sulcis c’è senza dubbio l’Isola di San Pietro, che si affaccia sulla punta sud-occidentale della Sardegna.

    Anche se non è famosa come altre isole più piccole, questa è la sesta isola più grande di tutto il territorio italiano, con oltre 33 chilometri di costa che la rendono una meta turistica da non perdere per tutti coloro che sono alla ricerca di una location balneare da sogno.

    A livello naturalistico, la vegetazione spazia tra mirti e ginepri, senza dimenticare corbezzoli e palme nane, tipiche degli ambienti mediterranei.

    La costa è sabbiosa e pianeggiante solo sul versante orientale, mentre per il resto è costellata di rocce e ricca di falesie e di grotte.

     

    Il borgo di Carloforte

    Il borgo di Carloforte è estremamente noto grazie alla bellezza del suo litorale, ma merita di essere conosciuto anche per il suo patrimonio culturale e storico unico, figlio del susseguirsi delle varie popolazioni che sono sbarcate sull’isola.

    Leggi  Sardegna in barca: un’avventura in famiglia

    Una passeggiata tra le vie del centro storico dimostra alla perfezione la ricchezza delle radici locali. Meritano di essere ammirati, in particolare, i resti della cinta muraria antica, costruita dopo le invasioni dei corsari tunisini alla fine del XVIII secolo.

    Un tempo tutto il centro abitato era delimitato dalle mura, con sette fortini di cui, però, solo tre si sono conservati: il Forte Beatrice, il Forte Santa Teresa e il Forte Santa Cristina.

    Da scoprire anche i vari edifici religiosi che impreziosiscono il centro, su cui spicca la Chiesa dei Novelli. Fu edificata per ordine di Gregorio IX, pontefice che in questo modo intendeva onorare i ragazzi della Crociata dei Fanciulli che nel 1212 si erano messi in viaggio da Marsiglia per raggiungere San Pietro ma erano morti nel tragitto.

     

    Le spiagge più belle dell’isola

    Le spiagge rappresentano uno dei motivi principali che possono spingere a organizzare una vacanza sull’Isola di San Pietro: litorali splendidi, grazie alle loro meraviglie incontaminate, circondati dalla natura della macchia mediterranea.

    Quasi tutte le spiagge di Carloforte e del resto dell’isola possono essere raggiunte con relativa semplicità, ma non mancano le location a cui si può accedere unicamente via mare: è il caso, per esempio, di Cala Vinagra, delle Piscine Naturali di Nasca o della Grotta di Punta delle Oche.

    Leggi  Sardegna low cost in camper: con meno di 1000€ + infografica

    La spiaggia del Giunco merita di essere segnalata nel novero delle spiagge più affascinanti di tutta la Sardegna: è la più grande e si affaccia sul versante meridionale.

     

    Alla scoperta della spiaggia del Giunco

    Chi ha la fortuna di visitare la spiaggia del Giunco avrà modo di apprezzare un litorale molto esteso, con ghiaia mista a sabbia, bagnato dalle onde di un mare caratterizzato da fondali bassi e, soprattutto, da acque trasparenti: proprio per questa ragione, ideale anche per le famiglie e le coppie con bambini piccoli.

    E a proposito di location a misura di famiglia, non si può non citare in questo elenco la spiaggia del Girin, a non più di 3 chilometri di distanza rispetto a Carloforte; situata a sud del borgo, offre a propria volta fondali che digradano in maniera progressiva e acque cristalline che non hanno niente da invidiare a quelle degli arcipelaghi caraibici.

     

    La spiaggia La Bobba

    Se si ha in mente di concedersi una settimana di relax sull’isola di San Pietro, poi, merita di essere scoperta, sempre sul lato sud del territorio, la spiaggia La Bobba, stupefacente grazie alla sua splendida scogliera che permette di osservare due faraglioni che raggiungono i 10 metri di altezza.

    Leggi  Cosa vedere in Sardegna: i posti da non perdere

    A completare la resa scenografica contribuiscono, poi, le acque turchesi del mare, sempre contraddistinto da fondali bassi.

     

    Le altre location da visitare

    Cala Vinagra è una meta ideale per chi è alla ricerca di tranquillità: si tratta di una caletta riparata che, tra l’altro, cattura l’attenzione di tutti gli appassionati di pesca subacquea e di coloro che si dilettano nello snorkeling.

    In località La Punta da non perdere è la spiaggia di Calalunga, che a sua volta è protetta da scogliere che mozzano il fiato per la loro bellezza, mentre i fondali rocciosi regalano la sensazione di una natura selvaggia.

    Le scogliere delimitano anche Cala Fico, che si presenta come un arenile roccioso e stretto. Se si preferisce una spiaggia di sabbia bianca si può puntare sulla spiaggia delle Chinolle, circondata dalla vegetazione mediterranea, mentre la sola spiaggia del versante ovest è La Caletta.

     

    La storia militare di Carloforte

    Tornando in paese, sono tanti gli edifici militari che raccontano la storia del posto e che meritano una sosta: per esempio il monumento intitolato a Carlo Emanuele III di Savoia, che si affaccia sul lungomare, e il Monumento ai Caduti di Carloforte, realizzato in memoria delle vittime della Prima Guerra Mondiale e risalente agli anni ’30 del secolo scorso.

    Michele Valente

    Sono il blogger di Famiglia in Fuga. Appassionato di viaggi e di tecnologia, ho creato questo blog insieme alla mia famiglia.

    0 0 votes
    Vota l'articolo
    Subscribe
    Notificami
    guest
    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments
    0
    Would love your thoughts, please comment.x
    ()
    x