Bormio Terme: benessere in Lombardia

    Bormio Terme: benessere in Lombardia

    Bormio Terme

    In questi tempi così frenetici è normale ritrovarsi a desiderare una bella vacanza rilassante per se stessi e per la propria famiglia.

    Se anche voi avete questo bisogno, questo articolo fa al caso vostro. Infatti, nelle seguenti righe vi porteremo alla scoperta di questa piccola cittadina in provincia di Sondrio in Lombardia, Bormio, e del suo stabilimento termale, ideale per una vacanza di relax.

     

    Le terme di Bormio nei secoli

    Le prime testimonianze su queste sorgenti termali sono di epoca preromana, come dimostra un rilievo raffigurante un dio delle acque con in mano un tridente, rinvenuto nel 1944 nella chiesa di San Vitale di Bormio, riconducibile alla popolazione dei Reti.

    I bagni di Bormio compaiono spesso in documenti e testimonianze storiche del Medioevo: se ne parlò in qualità di hospitium balneorum gestito dai monaci della chiesta di San Martino.

    Sempre al medioevo risalgono i “bagni superiori”, costruiti per sfruttare le acque della sorgente di San Martino (appunto più in alto). Sin dal XIV secolo questa località attirò tantissimi visitatori illustri, tra i quali Leonardo Da Vinci o Ludovico il Moro, Duca di Milano, o ancora l’Arciduca Ferdinando d’Austria con la sua consorte che soggiornarono in quelle che oggi vengono chiamate “terme vecchie”.

    Le terme conobbero un periodo di declino durante e dopo il periodo napoleonico, con l’occupazione austriaca e poi francese, mentre una piccola ripresa dell’attività termale si verificò a partire dal 1836, con l’inaugurazione del nuovo albergo il Grand Hotel Bagni Nuovi.

    Leggi  Terme di Premia in Alta Val d'Ossola 2021

    Nonostante questa piccola ripresa, l’occupazione prima degli austriaci e poi dei garibaldini durante il Risorgimento rese la gestione delle terme difficile.

    La definitiva ripresa dei Bagni di Bormio avverrà a partire dell’inizio del XX secolo, seguita negli anni ’70 da una battuta di arresto importante, risolta dal 1983 con la riapertura delle strutture termali situate ai Bagni Vecchi, e poi nel 2003 da quella del Gran Hotel Bagni Nuovi con il suo stabilimento termale, riconosciuto attualmente come uno dei migliori resort in Europa.

     

    Le acque di Bormio

    Le acque termali di Bormio sono talmente rinomate in Italia da essere riconosciute con il titolo di “QC terme Bormio” (QC: “Quality Control”).

    Esse sgorgano da nove sorgenti diverse situate ad altitudini tra loro varie (tra i 1280 e i 1421 sul livello del mare). Quelle del Bormio sono tra le poche acque minerali naturalmente calde (la loro temperatura oscilla tra i 37 e i 43 °C a seconda della stagione, più fredde d’estate e inalterate d’inverno) a sud delle Alpi.

    Il reparto Cure Termali è situato al primo piano dello stabilimento e come in molte altre strutture termali, vi si possono ricevere sia cure convenzionate con il Sistema Sanitario Nazionale (è il caso di fangoterapia totale con bagno termale, dei bagni termali, delle inalazione e dell’aerosol) che cure a pagamento.

    Tra i trattamenti benessere troviamo le cure inalatorie, la balneoterapia, la balneofangoterapia, la fisioterapia e la riabilitazione in acqua termale, l’osteopatia e infine il percorso vascolare (tutte rigorosamente da prenotare anticipatamente ad eccezione di quelle inalatorie).

    Leggi  Terme di Sirmione 2021: benessere sul Garda

    Lo stabilimento offre inoltre anche il servizio dell’ecografo e, se siete degli sportivi, il corso di Hydrobike per combattere sovrappeso e ritenzione idrica, migliorare la capacità cardiaco-respiratoria e tonificare il corpo, ma senza sovraccaricare articolazioni e colonna vertebrale.

    Se il vostro dubbio invece riguarda la possibilità di godervi questa vacanza anche con i vostri bambini, non avrete di che preoccuparvi.

    Lo stabilimento presenta aree dedicate ai bambini, con vasche termali ideate appositamente per loro, con pupazzi con cui giocare, e una vasca nel verde dove sarà invece possibile gocare con una tenera foca azzurra (anch’essa giocattolo). Lo stabilimento vanta anche la presenza di un’ampia piscina termale profonda 60 cm e dotata di acquascivolo, un’altra con uno scivolo a forma di delfino e, solo d’estate, una vasca all’aperto in cui è presente uno spruzza-acqua a forma di pagliaccio.

    Inoltre, lo stabilimento organizza corsi di nuoto per bambini e ragazzi, con vasche di diversa profondità a seconda del livello e dell’età.

    Se oltre a godervi il relax delle terme, vorrete anche fare del turismo, a 300 metri da Bormio Terme si trovano il Passo dello Stelvio e i Bei Laghetti, allontanandovi di qualche centinaio di metri in più invece troverete il Museo Civico e quello Mineralogico e Naturalistico di Bormio e il Passo di Gavia, oltre a diverse chiese molto caratteristiche da visitare.

     

    Passo dello Stelvio

    Se poi siete amanti degli scii o dei pattini, non si può sorvolare sulla stazione sciistica Bormio Ski e il Palaghiaccio di Bormio.

     

    I costi

    Come in tutte le terme, le cure prescritte da un medico sono coperte dall’SSN e quindi disponibili tramite il solo pagamento di ticket.

    Leggi  Vini rossi lombardi

    Per le cure a pagamento invece, sul sito www.bormioterme.it, è possibile acquistare diversi pacchetti di trattamenti:

    • Pacchetto Sport e Relax Lungo: 74€
    • Pacchetto Sport e Relax Breve: 54€
    • Ingresso per 2 ore e mezza: 12€ per gli Over 65 e 15€ per gli Adulti
    • Ingresso giornaliero: 21€ per gli Adulti
    • Idrokinesiterapia in acqua termale: 43€ per 25 minuti.
    • Abbonamento semestrale o annuale 1,30h: 285€ per Adulti

     

    Come arrivare

    È possibile arrivare a Bormio in diversi modi, a seconda del punto di partenza:

    • dall’Italia, il collegamento principale, in treno, parte ogni giorno da Milano Centrale, arrivando in circa 2 ore e mezza a Tirano, dove è disponibile un servizio di linea di bus che ha come destinazione il comprensorio di Bormio.
    • Dal Nord Europa, è possibile ad esempio arrivare dalla Svizzera a Zernez grazie ai servizi della Ferrovia Retica, per poi proseguire in bus fino a Livigno e, con un ultimo viaggio di circa un’ora, a Bormio. Se invece si parte da St. Moritz, i servizi della Ferrovia Retica portano al capolinea di Tirano, da cui poi è possibile usufruire degli autobus dell’Alta Valtellina.

     

    Contatti

    Sul sito ufficiale delle terme, www.bormioterme.it, è possibile non solo acquistare vari pacchetti di trattamenti e conoscerne le tariffe, ma anche inviare una richiesta tramite mail.

    Per i meno tecnologici, è possibile effettuare una chiamata con un operatore al numero +39 034 2901 325. Così non ci saranno davvero più scuse per prenotare una vacanza di relax.

    Michele Valente

    Sono il blogger di Famiglia in Fuga. Appassionato di viaggi e di tecnologia, ho creato questo blog insieme alla mia famiglia.

    0 0 votes
    Vota l'articolo
    Subscribe
    Notificami
    guest
    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments
    0
    Would love your thoughts, please comment.x
    ()
    x