Barbaresco: conosciamo uno dei migliori vini piemontesi

Storia

Il Barbaresco è uno dei grandi vini rossi italiani della regione Piemonte. Storicamente si chiamava Nebbiolo di Barbaresco ( essendo il Nebbiolo l’uva da cui proviene) e fu usato dal generale austriaco Melas per celebrare la sua vittoria sui francesi nel 1799. Solo a metà del XIX secolo il vino che conosciamo oggi è stato vinificato uno stile asciutto.

 

Il Barbaresco

Questo vino rosso piemontese aristocratico ottenne la classificazione DOCG nel 1980.

I suoi vigneti sono situati nelle Langhe, sul lato destro del fiume Tanaro e si estendono dalla zona a nord-est di Alba fino ai comuni di Barbaresco, Neive e Treiso, nonché San Rocco Senodelvio (un tempo parte del comune di Barbaresco ma ora parte di Alba).

La varietà dominante coltivata è il Nebbiolo, ma anche Dolcetto e Barbera hanno un ruolo. Le viti sono generalmente coltivate su terreni ricchi di calcare. simile ai suoli Tortonio delle aree di Barolo e La Morra a Barolo, a 200–400 m (650–1300 piedi) sul livello del mare su colline “prealpine” molto ripide. Sono situati su pendii rivolti a sud per la migliore esposizione.

Simile al suo più famoso fratello Barolo, il Barbaresco è prodotto con Nebbiolo al 100% e condivide il suo status di culto come uno dei migliori vini al mondo. Tuttavia, ci sono diverse differenze tra i due.

Barbaresco ha un clima leggermente marittimo : più caldo, più secco e più mite rispetto al suo vicino. Ciò significa che le sue uve tendono a maturare prima di quelle del Barolo.

Di conseguenza, i vini sono meno tannici e più accessibili in età precoce. Tuttavia, c’è ancora molta acidità e tannini per rendere questo rosso degno di essere invecchiato.

Il Barbaresco si caratterizza per i suoi sapori ricchi e speziati e la dolcezza profumata ed è considerato più elegante e raffinato della sua controparte, che è un rosso più robusto e di lunga durata.

I regolamenti stabiliscono che Barbaresco deve avere una gradazione alcolica minima del 12,5 percento e subire due anni di invecchiamento, uno dei quali deve essere speso in botti di legno.

Per la designazione aggiuntiva di riserva , l’invecchiamento aumenta a quattro anni, con uno di quegli anni in legno.

Tagged: , ,

2 thoughts on “Barbaresco: conosciamo uno dei migliori vini piemontesi

  1. Questo potente vino rosso è prodotto da uve Nebbiolo coltivate su terreni ricchi di nutrienti intorno alla città di Barbaresco in Piemonte. Per molto tempo, il vino è stato considerato il cugino meno prestigioso e leggero del Barolo a base di Nebbiolo, ma negli anni ’60 il Barbaresco riuscì a emergere dall’ombra del Barolo e si posizionò come un vino accessibile e di buona qualità.

    Secondo le normative italiane DOCG, Barbaresco deve maturare per almeno due anni, mentre quelli maturati per quattro anni portano l’etichetta Riserva. I vini Barbaresco sono spesso descritti come raffinati ed eleganti, ma anche ricchi di acidità e tannini, con sapori speziati e aromi di rose, frutta, liquirizia e tartufo.

    Da gustare con carne di manzo, selvaggina, stufati, salse a base di tartufo e varietà di formaggi erborinati e ben stagionati come Parmigiano Reggiano, Gorgonzola, Castelmagno o Fontina.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.